Mezquita Cordoba architettura

La Grande Moschea di Cordoba: architettura, stile e altro

La Moschea-Cattedrale di Cordova è un bellissimo tributo alle due religioni e culture che hanno definito l'Andalusia: Islam e Cristianesimo. Una chiesa rinascimentale che è stata costruita sui resti di quella che una volta era la moschea più importante del regno islamico, rendendo questa struttura una tappa obbligata per chiunque visiti Cordoba. La Grande Moschea di Cordoba, conosciuta anche come Mezquita-Catedral, è una delle più antiche strutture rimaste in piedi dal tempo in cui i musulmani governarono Al-Andalus alla fine dell'ottavo secolo. Cordoba, situata a due ore di treno a sud di Madrid. Leggi questa pagina e scorpi di più sull'architettura della Grande Moschea di Cordova.

Cronologia: evoluzione dell'architettura della Moschea di Cordoba

  • Metà del VI secolo: il sito archeologico della Moschea di Cordoba a quel tempo consisteva in vari edifici, il più notevole dei quali era la Basilica Visigota. Nell'area espositiva di San Vicente si possono ancora vedere alcune delle sue reliquie.
  • VIII secolo (786 d.C.): dato che la fede islamica richiedeva un nuovo luogo di culto, la cappella musulmana originale fu progettata in stile basilica, con undici navate che correvano perpendicolari al muro della Qibla.
  • VIII secolo (788 d.C.): l'urgenza di convocare i fedeli alla preghiera si manifesta nella costruzione del primo minareto di Al-Andalus. La scoperta e l'analisi delle sue fondamenta hanno fornito informazioni sulla sua posizione, circa dieci metri a sud dell'attuale torre.
  • IX secolo (833-848 d.C.): la moschea deve essere estesa a causa dell'aumento della popolazione. Otto nuove navate furono costruite a sud seguendo la disposizione originale. Allo stesso tempo, il cortile delle abluzioni fu ampliato.
  • X secolo (951-952 d.C.): fu costruito un nuovo minareto che raggiunse un'altezza di 47 metri e che in seguito servì da ispirazione per i minareti di Siviglia, Rabat e Marrakesh. All'interno della torre ai giorni nostri sono conservate molte delle reliquie originali.
  • X secolo (962-966 d.C.): l'intervento del Califfato di Cordoba incluse l'espansione della sala di preghiera e la costruzione di una nuova Maqsurah e Qibla.
  • X secolo (991-994 d.C.): dal momento che era impossibile continuare ad espandersi a sud a causa della vicinanza del fiume, il Califfato di Cordova scelse di espandere la cappella ad est per creare uno spazio rettangolare e proporzionato. Lo fece espandendo il cortile e aggiungendo una cisterna e un padiglione per le abluzioni.
  • XIV secolo (1371): Enrique II completò la Cappella Reale, una struttura rettangolare in stile mudéjar che ospita le tombe dei monarchi Fernando IV e Alfonso XI. I loro resti furono trasferiti nella chiesa collegiata di San Hipólito nel 1736.
  • Dal XVI secolo ad oggi: nel 1593, la prima fase del campanile fu completata e il lavoro sulla pala d'altare principale iniziò nel 1618. Nel 1984, la moschea è stata dichiarata patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Influenza architettonica e stili della Grande Moschea di Cordoba

Per secoli la Grande Moschea di Cordova è stato il luogo di esercizio del culto della popolazione islamica di al-Andalus. La Moschea era considerata il cuore della città e il centro nevralgico di Córdoba, la capitale omayyade. Secondo Muhammad Iqbal, il suo interno ha "innumerevoli pilastri come file di palme nelle oasi della Siria". La moschea-cattedrale ai giorni nostri misura 590x425 piedi (180m x 130m). La disposizione iniziale del piano della struttura è basata sulla forma generale di alcune delle più antiche moschee costruite nei primi giorni dell'Islam. Alcuni dei suoi elementi sono stati modellati sul modello della Moschea Omayyade di Damasco.

La struttura presenta imponenti mura esterne che gli danno un aspetto fortificato. Un vasto cortile a nord è racchiuso da una galleria porticata con porte sui lati nord, ovest ed est e fontane che sostituiscono le antiche fontane delle abluzioni della moschea. Sul lato ovest della moschea un ponte o un corridoio sopraelevato collegava precedentemente la sala di preghiera al palazzo del califfo dall'altra parte della strada. Il prezioso marmo color vino, acquistato dalle montagne del distretto è stato ampiamente utilizzato per adornare le navate della moschea.

Architettura della Moschea: struttura e materiali

Moschea di Cordoba Architettura

Gli architetti incorporarono diverse colonne romane con capitelli ornati nel design della moschea. Alcune delle colonne erano già presenti nell'edificio gotico, mentre altre furono consegnate come regali dai governatori delle province di tutta l'Iberia. Gli ornamenti erano fatti di avorio, diaspro, porfido, oro, argento, rame e ottone. Furono creati bellissimi mosaici e azulejos. I pannelli di legno profumato erano fissati con chiodi d'oro puro.

Espansione e storia architettonica della Moschea di Cordoba

Per quanto riguarda la storia della Moschea di Cordova, il sito storico è stato oggetto di molteplici cambiamenti e ristrutturazioni dovuti allo spostamento del potere politico o al cambiamento del sovrano nel corso dei secoli.

Moschea di Cordoba Architettura

la moschea originale (785)

La pianta originale di Aljama era basata sul modello della basilica e per la ristrutturazione si ispirò alle moschee di Damasco e al-Aqsa di Gerusalemme. Un sistema di archi sovrapposti divide lo spazio separato in undici navate laterali al muro della qibla. Come nel caso della Basilica di San Vicente, la soluzione molto inventiva includeva anche il riutilizzo di componenti romani e visigoti ereditati da progetti precedenti. Inoltre, il pavimento originale era costituito da uno spesso strato di malta sopra la terra compressa e le pareti sono fatte di conci di pietra calcarea.

Moschea di Cordoba Architettura

Prima espansione (821-852)

Rahman II supervisionò l'espansione della sala di preghiera in otto parti e aumentò la lunghezza della moschea di 24 metri. A causa delle fazioni politiche che si erano stabilite all'epoca con il Califfato d'Oriente e l'introduzione di personaggi dall'est nelle terre della penisola, questo ampliamento subì l'influenza dei nuovi elementi culturali accolti dalla città. Gli aspetti architettonici di questo ampliamento sono simili a quelli della prima fase della moschea: sezioni e archi contrastanti, pietra e mattoni, segmenti e curve sovrapposti.

Moschea di Cordoba Architettura

Seconda espansione (951-966)

Nel 929 la città di Cordova crebbe di importanza nel mondo islamico quando il califfo Abd al-Rahman III salì al potere. In questo periodo fu costruito un nuovo minareto e il cortile della moschea fu ampliato. Il primo minareto dell'Occidente fu costruito duranteq uesto periodo e servì come modello per i minareti e i campanili moreschi dell'Almohad. Il minareto è attualmente ospitato all'interno del campanile cristiano e, sebbene non sia più visibile, si riconoscono i modelli e le prove lasciate dal rilievo dei pennacchi della Puerta de Santa Catalina.

Moschea di Cordoba Architettura

Terza espansione (991-994)

X Almanzor completò l'ultima aggiunta significativa della moschea di Córdoba alla fine del secolo. La scarsità dei rifornimenti utilizzati per questa estensione prefigura la fine del califfato. Almanzor si espanse verso est grazie alla sua posizione e alla vicinanza al fiume della moschea, aggiungendo altre 8 navi in quel percorso. Almanzor dovette confiscare le residenze in questa regione per completare questi miglioramenti. Anche il mihrab quedarse fu spostato come risultato della ristrutturazione della moschea.

Interni della Moschea di Cordoba

Moschea di Cordoba Architettura

Mihrab

Il Mihrab è situato nel cuore del muro della qibla. È un punto importante per analizzare il contributo di Al-Hakam II all'Aljama, situato tra le porte delle Camere del Tesoro e il Sabat. Non si tratta solo di un luogo di pregiera, ma anche di un luogo in cui convergono i progressi costruttivi dell'espansione, un punto che attrae naturalmente l'attenzione dei visitatori.

Il Mihrab ha una struttura ottagonale con una cupola a conchiglia che si erge da un basamento di marmo. Una surah quranica e un'iscrizione circondano il plinto per omaggiare i creatori dell'incredibile opera. I pannelli delle pareti sono decorati con archi ciechi a trifoglio e motivi vegetali stilizzati. La stanza presenta un'entrata a ferro di cavallo inclinato con decorazioni geometriche a mosaico con iscrizioni del Corano.

Moschea di Cordoba Architettura

Cappella di Villaviciosa

La cappella di Villaviciosa fu la prima cappella primaria della Moschea-Cattedrale di Cordova. La cappella fu costruita tra il 1486 e il 1496 sotto il regno di Alhakén II, grazie al sostegno del vescovo di Cordova Igo Manrique de Lara e alla presenza della regina Isabella I la Cattolica a Cordova. Dopo l'invasione cristiana della città nel XIII secolo, fu parte della prima grande ristrutturazione della moschea islamica.

L'esecuzione della prima significativa alterazione cristiana della struttura fu fatta con la costruzione di una grande navata gotica. Lo spazio basilicale della Cappella di Villaviciosa è abbellito da pilastri ad archi trasversali a sesto acuto, mentre una cornice di legno a capanna forma il soffitto. Il soffitto fu ulteriormente decorato con motivi pittorici e iscrizioni dedicati a "Gesù il Salvatore".

Moschea di Cordoba Architettura

Sala ipostila

La sala ipostila della moschea-cattedrale risale alla costruzione originale della moschea e un tempo era la principale sala di preghiera dei musulmani. Durante il regno di Abd al-Rahman e dei suoi successori, fungeva anche da aula e da tribunale per le questioni relative alla Sharia. La sala era vasta e piatta, con soffitti in legno sostenuti da colonne e file di archi a doppio livello.

Gli archi dividono la struttura in 19 navate. Con oltre 850 colonne fatte di diaspro, onice, marmo, granito e porfido, riutilizzate da precedenti edifici romani e visigoti, l'architettura moresca ha una struttura unica con un soffitto alto reso possibile grazie agli archi a doppio livello e alle colonne relativamente basse. Il design è formato da archi a ferro di cavallo e archi semicircolari. Questo design unico è descritto come somigliante a una "foresta di colonne".

Moschea di Cordoba Architettura

Capilla Mayor

La Cappella Principale della Moschea-Cattedrale di Cordova fu costruita nel 1523 per sostituire la precedente Cappella Principale. Secondo un'iscrizione conservata nella scala che porta alle volte, i lavori per l'attuale Cappella Principale della Moschea-Cattedrale di Cordova iniziarono nel 1523, quando Alonso Manrique era vescovo di Cordova. La cappella non solo stabilisce una bella coesione tra arte gotica, rinascimentale e manierista, ma si fonde perfettamente con la tradizione del Califfato.

L'enclave in stile gotico della Capilla Mayor è decorata con una volta a coste e una splendida serie iconografica dedicata all'Assunzione di Nostra Signora. La struttura è ulteriormente abbellita con figure di angeli musicanti, santi e apostoli. Come gli altri siti della struttura, la Cappella Principale presenta bellissimi soffitti. Il transetto della Cappella Principale ha una volta ovale abbellita con quattro evangelisti e icone religiose.

Moschea di Cordoba Architettura

Platea del Coro

Gli stalli della precedente cappella principale furono riutilizzati dando vita ad una nuova costruzione più sfarzosa. L'ambiziosa commissione fu resa possibile dal lascito notarile di 120.000 reales dell'arcidiacono José Daz de Recalde nel 1742. Duque Cornejo fu scelto per costruire gli stalli dopo che altri scultori avevano presentato modelli e progetti. Di conseguenza, il 14 marzo 1748, iniziò a lavorare su un progetto che avrebbe aggiunto 30 posti superiori e 23 inferiori.

Restaurata nel periodo tra il 2006 e il 2009, l'area del coro è costruita in stile manierista. Una volta a botte ribassata è strutturata in lunette che formano angoli sporgenti. La struttura curvata in legno di mogano presenta una fila di 30 posti superiori e 23 posti inferiori, ciascuno decorato con una scultura parte di una serie di scene iconografiche. Il centro è abbellito da un enorme trono episcopale che presenta le forme di una pala d'altare.

Moschea di Cordoba Architettura

Parroquia del Sagrario

La Parroquia del Sagrario è stata costruita sul luogo della Cappella di Santiago e della Biblioteca Capitolare. Dall'ultimo quarto del XVI secolo, questo spazio è stato un Santuario della Cattedrale, grazie al lavoro degli architetti Hernán Ruiz I e III. La cappella presenta un design rettangolare con tre navate. L'attrazione principale è una collezione di murales commissionati dal vescovo Antonio de Pazos y Figueroa che adornano l'intera stanza.

Nei murales possiamo trovare la presenza dei santi martiri cordobesi con testi dettagliati che parlano della loro vita e del loro martirio. Le scene iconografiche sono accompagnate da dipinti di bellissimi paesaggi, composizioni di angeli e simboli della Passione: le scene della Santa Cena sono tra le preferite dai visitatori.

Moschea di Cordoba Architettura

Capilla Mayor Altar

La pala d'altare principale della Capilla Mayor fu creata tra il 1618 e il 1628 utilizzando il marmo di Carcabuey. Fu progettata da Alonso Matas che la supervisionò fino al 1625 quando Juan de Aranda Salazar subentrò nella direzione dei lavori. Il tempio centrale rimase incompiuto fino al 1653 quando Sebastián Vidal lo completò seguendo i progetti e gli schizzi del suo predecessore. Pedro Freile de Guevara fu il principale responsabile della sezione scultorea, che fu completata nel 1626 con l'aiuto di Matas Conrado e Juan Porras, tra gli altri.

Realizzata dallo scultore Miguel Verdiguer, la pala d'altare presenta pulpiti su entrambi i lati dell'arco principale in marmo e mogano. La pala d'altare presenta un design unico con tre navate verticali e colonne composite.

Moschea di Cordoba Architettura

Campanile

Dal minareto musulmano originale fino alla trasformazione in Campanile, questo punto di interesse ha giocato un ruolo importante nel definire lo skyline di Cordoba. Anche se ha sempre avuto la stessa funzione principale di convocare i fedeli nel corso della sua storia, le sue forme e i suoi stili si sono evoluti nel tempo. È il grattacielo più alto della città, con i suoi 54 metri. La vita liturgica della Cattedrale è ancora regolata dal suono delle campane. La collezione di campane conosciuta come "campane liturgiche" è la più notevole tra queste.

Il minareto fu costruito da Abd al-Rahman III a metà del X secolo che fu poi demolito e ristrutturato per diventare un moderno campanile rinascimentale con un solido fusto quadrato e aperture in stile serliano su tutti e quattro i lati.

Moschea di Cordoba Architettura

Patio de Los Naranjos

Il cortile delle abluzioni del Califfato fu trasformato in un cortile cristiano, quindi il suo ruolo è cambiato drasticamente nel corso della storia dell'edificio. Dopo essere servito come luogo per le abluzioni o il lavaggio rituale prima della preghiera musulmana, è diventato una delle aree più importanti della Cattedrale per le cerimonie cattoliche, ospitando gli eventi più solenni. File di aranci, palme e cipressi sono piantati nella continuazione esterna della sala di preghiera.

Il cortile presenta dei canali di pietra visibili che si crede facciano parte dei progetti di alterazione della moschea. Le fontane e i bacini d'acqua erano utilizzati nei rituali mentre gli archi della sala di preghiera interna erano progettati per permettere l'accesso della luce naturale.

Le porte importanti della Moschea di Cordoba

Moschea di Cordoba Architettura

La porta del perdono

Una delle porte più importanti nella vita cerimoniale della Cattedrale, la Porta del Perdono è ritenuta il luogo di passaggio di alcune delle più importanti solennità religiose. Fu completata nel 1377 e da allora ha subito molte ristrutturazioni, inclusa una nel 1650 dall'architetto Sebastián Vidal. Su di essa si possono vedere i resti di alcuni dipinti murali attribuiti ad Antonio del Castillo.

Moschea di Cordoba Architettura

La Porta di Santa Caterina

Nell'anno 1268, il nome della porta di Santa Caterina fu scritto e registrato, indicando la presenza adiacente dell'antico convento di Santa Caterina. Il suo aspetto attuale è il risultato della trasformazione rinascimentale dell'architetto Hernán Ruiz II. La struttura della porta è un arco semicircolare dotato di due colonne e una Zerlina.

Moschea di Cordoba Architettura

La Porta delle Palme

Questo punto era precedentemente conosciuto come l'Arco delle Benedizioni poiché era qui che il vessillo reale di ogni nuovo monarca veniva benedetto come parte del processo di incoronazione. Nell'anno 1533, Hernán Ruiz I fu autorizzato per procedere con la sua ristrutturazione, che includeva l'aggiunta di una struttura superiore plateresca con il rilievo dell'Annunciazione. Ci sono entità mitologiche in miniatura che appaiono negli angoli inferiori accanto a questa immagine.

Moschea di Cordoba Architettura

La porta dei decani

Dato che le sue origini risalgono alla moschea iniziale di Abd al-Rahman I, questa è una delle porte più antiche del Sito Monumentale. Nonostante i molteplici cambiamenti che ha subito, la struttura dell'arco è ancora basata su modelli architettonici visigoti convenzionali. I voussoir sono scolpiti a raggiera, intrecciando pietra e mattoni.

Elenco delle porte importanti della Moschea di Cordoba 

Moschea di Cordoba Architettura

West facade (North to South)

  • Postigo de la leche
  • Puerta de los Deanes
  • Puerta de San Esteban
  • Puerta de San Miguel
  • Puerta del Espíritu Santo
  • Postigo del Palacio
  • Puerta de San Ildefonso
  • Puerta del Sabat
Moschea di Cordoba Architettura

East facade (North to South)

  • Puerta de la Grada Redonda
  • Fuente de Santa Catalina
  • Puerta de Santa Catalina
  • Puerta de San Juan
  • Puerta del Baptisterio
  • Puerta de San Nicolás
  • Puerta de la Concepción Antigua
  • Puerta de San José
  • Puerta del Sagrario
  • Puerta de Jerusalén

Moschea di Cordoba Architettura

North facade (West to East)

  • Puerta del Perdón
  • Puerta del Caño Gordo

Domande frequenti - Moschea di Cordoba Architettura

D. Quale stile architettonico si può trovare nella Moschea di Cordoba?

R. L'architettura della Moschea di Cordoba combina elementi islamici, gotici, moreschi, rinascimentali e barocchi.

D. Quali sono alcuni degli elementi fondamentali della Moschea di Cordoba?

R. La Moschea di Cordova è considerata un monumento importante nella storia dell'architettura islamica e molti accademici credono che abbia avuto un'influenza significativa sull'architettura "moresca" successiva in tutte le regioni del Mediterraneo occidentale del mondo musulmano.

D. Quando è stata costruita la Moschea di Cordoba?

R. La Moschea di Cordova fu costruita sulle rovine della Basilica visigota di San Vicente nell'VIII secolo. Scopri di più sull'origine della Grande Moschea di Cordoba nella nostra pagina dedicata alla sua storia.

D. Quando è stata convertita la Moschea di Cordoba in una cattedrale cristiana?

R. La Moschea di Cordoba fu convertita in una cattedrale cristiana nel XIII secolo.

D. Come viene utilizzata l'ex Moschea di Cordoba ai giorni nostri?

R. Attualmente, la Moschea di Cordoba è uno dei principali monumenti storici e attrazioni turistiche della Spagna.

D. Quali sono alcune delle porte importanti della Moschea di Cordoba?

R. La Porta dei Decani, la Porta delle Palme, la Porta del Perdono e la Porta di Santa Caterina sono le 4 porte importanti della Moschea di Cordoba.

D. Qual è la porta più antica della Moschea di Cordoba?

R. La Porta dei Decani è la porta più antica della Moschea di Cordoba.

D. La Moschea di Cordoba è un esempio di architettura islamica?

R. Sì, anche se la Moschea di Cordova presenta elementi gotici e rinascimentali, mostra in modo prominente l'architettura islamica.

D. Che tipo di architettura presenta la Moschea di Cordoba?

R. La Moschea di Cordoba è un ottimo esempio di architettura moresca, una forma d'arte islamica che fiorì nella penisola iberica della Spagna durante il dominio islamico.

D. Di cosa è fatta la Moschea di Cordoba?

R. La combinazione di due elementi, pietra e mattoni, è il materiale più caratteristico utilizzato per costruire la Moschea di Cordoba. I molti tipi di pietra utilizzati nella costruzione della moschea includono marmo, diaspro e granito.

D. In quale periodo sono stati fatti i primi lavori di espansione della Moschea di Cordoba?

R. Il primo lavoro di espansione della Moschea di Cordova fu fatto tra l'821 e l'852. Scopri di più sui lavori di espansione della Grande Moschea di Cordova sulla nostra pagina dedicata all'architettura e alla storia di questo sito religioso.

D. In quale periodo fu eseguito il secondo lavoro di espansione della Moschea di Cordoba?

R. Il secondo lavoro di espansione della Moschea di Cordova fu eseguito tra il 951 e il 966.

D. In quale periodo fu eseguito il terzo lavoro di espansione della Moschea di Cordoba?

R. Il terzo lavoro di espansione della Moschea di Cordoba fu portato avanti tra il 991 e il 994.

D. Chi ha costruito la Moschea di Cordoba?

R. La Moschea di Cordoba originale fu costruita nel 784-786 dal monarca omayyade Abd ar-Raman I.

D. Perché la Moschea di Cordoba è così famosa?

R. La Moschea di Cordova è famosa per la sua vastità e l'altezza dei suoi soffitti, che è una prodezza estetica unica nel suo genere. È il punto di riferimento più importante dell'architettura religiosa islamica e una testimonianza storica insostituibile del Califfato di Cordoba.

D. Vale la pena visitare la Moschea di Cordoba?

R. La Moschea di Cordova racchiude tutto lo splendore di al-Andalus durante il periodo del califfato, merita decisamente una visita se ti trovi nella zona.

D. I biglietti per la Moschea di Cordoba sono disponibili online?

R. Sì, puoi comprare i biglietti per la Moschea di Cordoba online.